Cosa stai cercando?

Ricerca nel Sito

Dettaglio

25 febbraio 2005

Limitazione circolazione stradale nelle domeniche 27 febbraio e 13 marzo

POLIZIA LOCALE

ORDINANZA N. 3

Oggetto: Misure di limitazione della circolazione stradale per la prevenzione e la riduzione degli inquinanti atmosferici: blocco totale della circolazione per le giornate di domenica 27 febbraio e domenica 13 marzo 2005 nei comuni aderenti al protocollo provinciale di riduzione dell'inquinamento atmosferico .

IL RESPONSABILE di P.O. N. 2

Visto il Piano Regionale di tutela e risanamento dell'atmosfera, approvato con Deliberazione del Consiglio Regionale n.57 del 11 Novembre 2004, pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Veneto il 21 Dicembre 2004;
Vista la Delibera di Giunta Provinciale n. 15829 del 15.02.2005 avente per oggetto "Piano Regionale di Tutela e Risanamento dell'Atmosfera. Provvedimenti di prima attuazione";
Considerato che detto provvedimento ha formalmente istituito il Tavolo Tecnico Zonale della Provincia di Treviso ed ha stabilito che in tutti i comuni della Provincia di Treviso siano attuate le misure minime decise dai tavoli Tecnici Zonali;
Preso atto che nella seduta del 17.02.2005 il Tavolo Tecnico Zonale ha deliberato, fra l'altro, il blocco del traffico nelle domeniche 27 febbraio e 13 marzo 2005 dalle ore 9,00 alle ore 14,00 nei territori comunali della Provincia;
Rilevato il permanere del superamento dei limiti di tollerabilità degli agenti inquinanti e considerato che la diffusione di tale problematica rappresenta fattore di rischio per la pubblica incolumità, in particolare delle persone particolarmente più deboli (bambini, anziani ecc.);
Visti gli artt.6 e 7 del decreto legislativo 30 aprile 1992, n.285, Nuovo Codice della Strada e successive modificazioni ed integrazioni, che prevedono che l'ente proprietario della strada può sospendere la circolazione di tutte  o di alcune categorie di utenti della strada per motivi di incolumità pubblica;
Visti gli artt. 5 comma 3 e 37 del d.lgs n.285/1992 Nuovo Codice della Strada;
Visto il parere favorevole della Provincia di Treviso, datato 22.02.2005 prot. 17577, alla chiusura dei tratti di strada provinciali correnti all'interno dei centri abitati,

O R D I N A

La sospensione della circolazione  dei veicoli a motore termico su tutte le strade site all'interno del territorio comunale  nelle domeniche 27 febbraio e 13 marzo 2005 dalle ore 9,00 alle ore 14,00 .
1) che siano applicate le eccezioni di cui all’allegato “A” alla presente ordinanza;
2) che le disposizioni contenute nella presente ordinanza siano rese esecutive con l’applicazione dei prescritti segnali stradali a cura dell’Ufficio Tecnico Comunale in accordo con l'Ufficio di Polizia Municipale;
Per le violazioni alla presente ordinanza trovano applicazione le sanzioni previste dal Decreto Legislativo n. 285 del 30.04.1992.
Avverso la presente ordinanza è ammesso il ricorso giurisdizionale al T.A.R. entro 60 giorni o il ricorso amministrativo straordinario al Capo dello Stato entro 120 giorni decorrenti dalla sua avvenuta conoscenza;
La presente ordinanza verrà esposta all’Albo Pretorio del Comune di Breda di Piave per giorni 30 (trenta). Sarà inoltre pubblicizzata nelle forme dovute.

 Dalla Residenza Comunale, lì 24.02.2005.

                              IL RESPONSABILE DI P.O.
                                                      Cadamuro dr.Sara
                   


ALLEGATO A

Eccezioni alle misure limitative del traffico

Le seguenti categorie di veicoli a motore sono escluse dai provvedimenti di
limitazione:
a) veicoli alimentati a GPL o a gas metano purchè utilizzino per la circolazione dinamica rigorosamente solo GPL o il gas metano;
b) veicoli provvisti di motori elettrici o ibridi (motore elettrico e termico);

c) gli autobus adibiti al servizio pubblico di linea e turistici, scuolabus, taxi ed autovetture in servizio di noleggio con conducente;

d) veicoli di trasporto di pasti confezionati per le mense o comunità;

e) veicoli adibiti a cerimonie nuziali o funebri e al seguito, muniti di titolo autorizzatorio;

f) autovetture al servizio di portatori di handicap, munite di contrassegno e di soggetti affetti da gravi patologie debitamente documentate con certificazione rilasciata dagli Enti competenti, ivi comprese le persone che hanno subito un trapianto di organi o che sono immunodepresse;

g) veicoli per il trasporto alle strutture sanitarie pubbliche o private per sottoporsi a visite mediche, cure ed analisi programmate (da documentare con le modalità previste al "titolo autorizzatorio"), nonché per esigenze di urgenza sanitaria da comprovare successivamente con il certificato medico rilasciato dal Pronto Soccorso;

h) veicoli adibiti a compiti di soccorso, compresi quelli dei medici in servizio e dei veterinari, muniti di apposito contrassegno distintivo;

i) veicoli dei paramedici e dei tecnici ospedalieri in servizio di reperibilità,nonché i veicoli di associazioni e imprese che svolgono servizio di assistenza sanitaria e/o sociale (da documentare con le modalità previste al "titolo autorizzatorio");

j) veicoli con targa straniera;

k) veicoli utilizzati per assicurare servizi manutentivi di emergenza (da documentare con le modalità previste al "titolo autorizzatorio");

l) veicoli di servizio e veicoli nell'ambito dei compiti d'istituto delle Pubbliche Amministrazioni o loro aziende consortili, compresa la Magistratura, dei Corpi e servizi di Polizia Municipale e Provinciale, delle Forze di Polizia, dei Vigili del Fuoco, delle Forze Armate, degli altri Corpi armati dello Stato;

m) autoveicoli che trasportano farmaci, prodotti per uso medico e prodotti deperibili;

n) veicoli di lavoratori in turno, in ciclo continuo o doppio turno, limitatamente ai percorsi casa-lavoro per turni con inizio e/o fine purché circolanti in orari non coperti dal servizio di trasporto pubblico di linea, e muniti di dichiarazione del datore di lavoro attestante il servizio prestato;

o) possono circolare veicoli commerciali adibiti al trasporto di combustibili ecocompatibili di società aderenti al Protocollo d’Intesa siglato tra l’Amministrazione comunale di Treviso e l’Associazione Commercianti di prodotti petroliferi;

ORDINANZA LIMITAZIONE TRAFFICIO PROVINCIALE