Cosa stai cercando?

Ricerca nel Sito

Dettaglio

06 ottobre 2004

La nostra terra e le nostre acque - 9 ottobre 2004

immagine volantino che pubblicizza la giornata sul territorio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

PER CONOSCERE UN PO' DI PIU'...

L'Amministrazione Comunale in questo ultimo anno ha coinvolto le associazioni, le scuole, il mondo agricolo e produttivo ma anche singoli cittadini in un proprio progetto di valorizzazione del territorio comunale e ha condiviso con loro alcuni possibili cantieri di lavoro in cui far sviluppare le azioni in campo ambientale.
Sono nati tre nuovi gruppi di interesse: il gruppo delle risorgive, il gruppo Piave e golena e il gruppo di educazione ambientale.

Il gruppo risorgive: è un gruppo operativo che si sta impegnando per rendere fruibili al pubblico le aree adiacenti i sistemi di risorgiva più interessanti, presenti nel nostro territorio, attraverso la creazione di percorsi e indicazioni su flora e fauna.

Il gruppo Piave e golena: è anche questo un gruppo operativo che intende invece rendere fruibile al pubblico, attraverso alcune migliorie strutturali, una vasta area golenale del fiume Piave che presenta segni significativi della prima guerra mondiale oltre a interessanti aspetti ambientali.

Il gruppo di educazione ambientale: è un po' il gruppo "pensante" il quale lavora, anche in collaborazione con la scuola, alla realizzazione di incontri e dibattiti su problematiche percepite dalla cittadinanza, i cui temi saranno sviluppati non solo da un punto di vista teorico ma anche pratico con delle uscite sul territorio. Collabora inoltre con il sistema produttivo locale attivando forme di informazione sulle azioni che possono migliorare l'impatto ambientale del sistema sul territorio.

E’ proprio con quest’ultimo gruppo, che l’Amministrazione Comunale, in collaborazione con le Scuole Elementari e Medie, la Protezione Civile, la Pro Loco e l’A.Ge., il 9 ottobre 2004 , presso l’area della Pro Loco, ha organizzato l'interessante iniziativa dal suggestivo titolo “La nostra terra e le nostre acque”.

Si è trattato di una mattinata molto intensa, iniziata con il coinvolgimento dei ragazzi della scuola media, divisi in classi, in una serie di giochi fatti nel bosco planiziale del Comune. I ragazzi hanno svolto all’interno del bosco delle attività di gioco, proposte loro da degli animatori, con lo scopo di vivere l’ambiente e farlo diventare occasione di scoperta. In una mappa consegnata a tutti i ragazzi, da una parte era segnato l’intero percorso dal bosco fino all’area della Pro Loco e dall’altra il dettaglio del bosco con i 7 punti in cui si sarebbero svolti i giochi. I giochi riguardavano: il riconoscimento di foglie e frutti, lo svolgimento di un percorso ostacolato chiamato il sentiero degli animali, il ritrovamento di alcuni attrezzi da lavoro inerenti il bosco, la ricerca di un oggetto particolare per il proprio bosco fantastico, il passaparola nel bosco  e infine la ricerca di legna secca nel bosco per fare una fascina.
A mano a mano che i vari gruppi ultimavano i giochi si trasferivano presso l’Area della Pro Loco, dove nel frattempo, erano giunti i bambini delle classi terze, quarte e quinte delle tre scuole elementari del Comune, per assistere all’illustrazione della mostra allestita sul tema.
Per tutti, cittadini compresi, è iniziata, da parte del gruppo folcloristico “Pastoria del Borgo Furo” di Treviso, la dimostrazione di alcuni vecchi mestieri legati alla terra (nasse e bartoei, impaiacareghe, lavandera, ballo del cassador, el moeta, el scoatin, a fiadora, el stagnin e a ricamadora) a cui ha fatto seguito tutta una serie di balli e danze che sono molto piaciute ai bambini e ai ragazzi e che hanno risvegliato qualche vecchio ricordo agli adulti presenti.
La festa si è conclusa con la consegna al vice sindaco Valentino Grespan, delle casette per uccellini in legno, da collocare nel bosco, realizzate dai bambini di Labirintomania. Mentre gli alunni tornavano a scuola un gruppo di adulti ha potuto effettuare la visita guidata alle risorgive e al bosco.